Il comunicato di Follieri sul Foggia con commento

La FHolding è composta dalla Ronald W. Burkle Foundation (Burkle denunciò Raffaello Follieri accusandolo di avergli sottratto 1,3 milione di dollari che Follieri ha restituito: sembra che i due abbiano “fatto pace”), dal Podesta Group (il cui CEO ha annunciato il 9 novembre scorso la fine di tutte le attività entro la fine dell’anno; intanto www.podesta.com è offline e reindirizza al sito di Tony Podesta che ha annunciato di aver lasciato il gruppo. Diciamo che qualcosa non quadra, ecco…) oltre che Raffaello (4 anni di carcere negli USA per aver patteggiato 14 capi d’accusa fra cui frode e riciclaggio di denaro sporco) e Pasquale Follieri come soci di maggioranza: non vi sono altri coinvolgimenti interni o esterni se non quelli delle persone qui specificate (finalmente un po’ di chiarezza su questo aspetto). Sarà la Effe Investments Srl (cos’è? che capitale ha? dove ha sede? Quesiti a cui è giusto dare risposte, credo AGGIORNAMENTO: i colleghi di Foggia Città Aperta hanno scritto un eccellente pezzo proprio su questo) ad acquisire, entro dicembre 2017, il 50% del pacchetto societario del club rossonero, gestito in maniera accurata da tre anni circa dalla famiglia Sannella.

La Famiglia Follieri come foggiani e tifosi del Foggia comprendono benissimo l’interesse attorno a questa trattativa, giunta quasi per caso agli occhi di tutti (LETTERALMENTE visto che ci sono stati incontri anche in un bar del centro città…) ma sulla quale si stava già lavorando da mesi, in silenzio e lontano dalla luce dei riflettori mediatici, con estrema serietà (e ci mancherebbe non ci sia serietà con in ballo tanti soldi). Non riusciamo però a capire la necessità da parte dei media di investigare (ah no? non c’è necessità? Visto il passato dei soggetti coinvolti non c’è necessità? Visti i precedenti numerosi del calcio italiano non c’è necessità di capire che sia tutto ok?), in modo anche inopportuno e spesso assillante (addirittura!) in alcuni casi specifici, sulle persone, cercando continuamente scoop quasi tutti inesistenti (immagino si riferiscano a chi è stato individuato come socio e che, a quanto pare, non lo è) e arrivando addirittura a creare profili falsi di social network (maledetti giornalisti che si divertono a creare fake…) quasi a voler destabilizzare l’ambiente ottenendo però un unico risultato: infastidire gli investitori (poverini), rischiando pertanto di rovinare concretamente il progetto (ohibò!). Se questo gruppo non è gradito a qualcuno, è pronto a fare un passo indietro senza alcun problema di sorta: dal resto, non ci obbliga nessuno ad investire in questo progetto sportivo (certamente e infatti il discorso è un altro: visti i precedenti del calcio italiano e visto che ci sono molti lati non chiari è più che legittimo indagare).

Detto ciò, la FHolding ribadisce con fermezza la piena volontà di investire nel Foggia Calcio ed allo stesso tempo chiede a tutti gli operatori dell’informazione di rispettare privacy (Un giornalista che si pone domande e cerca risposte sull’acquisto di una società sportiva viola la privacy? Questa mi risulta nuova… E comunque per avere privacy basta non incontrarsi nei bar) e tempistiche, onde evitare di dover poi ricorrere ad azioni legali cautelative (e vai con le minacce!). Quando tutto sarà compiuto informeremo con un comunicato stampa (capito colleghi? State a casa tranquilli, non fatevi domande, non fate il vostro lavoro: ci avviseranno loro quando sarà tutto finito. Che bello fare il giornalista così.)

P. S.: io non ho nulla contro Follieri, che ha pagato il suo debito con la giustizia, e i suoi. Io ho a cuore le sorti della squadra della mia città. E per questo voglio essere certo che chi la sta per compare abbia tutto a posto, come spero vivamente. Me lo devo come giornalista e come foggiano: motivo per cui continuerò a farmi domande e cercare risposte. Come dice Ferruccio De Bortoli “Il giornalista deve avere sempre e comunque una religione del dubbio” e, aggiungo, deve fare di tutto per togliersi i dubbi.

Potrebbero interessarti anche...